Trova il miglior zaino fotografico per la tua attrezzatura

Uomo con uno zaino fotografico

Sei un fotografo amatoriale o professionista? Allora uno zaino fotografico pratico e capiente deve indubbiamente far parte della tua attrezzatura di base in quanto indispensabile per il trasporto delle attrezzature fotografiche più complesse

Ma cos’è uno zaino fotografico? A chi è adatto e quante tipologie ne esistono? Oltre a rispondere a queste domande di base, nel nostro articolo troverai i migliori zaini fotografici in commercio e preziose informazioni riguardo i criteri da tenere in considerazione al momento dell’acquisto per evitare di danneggiare la tua attrezzatura fotografica durante i tuoi tour fotografici. Bene, iniziamo!

I migliori zaini fotografici sul mercato: i nostri prodotti preferiti

Quella che ti proponiamo è una selezione dei prodotti che reputiamo i migliori sul mercato, suddividendo gli zaini fotografici principalmente in base all’uso per il quale sono più indicati.

Lo zaino fotografico piccolo più adatto per i tuoi viaggi

Il Manfrotto Street è uno zaino fotografico compatto da poco lanciato sul mercato, perfetto per l’uso urbano e caratterizzato da un’ottima qualità costruttiva. Al suo interno trovano posto una fotocamera con obiettivo, due obiettivi extra e altri piccoli accessori, protetti dal sistema modulare M-Guard. Metà dello zaino è destinato a essere spazio extra, accogliendo quindi bottigliette d’acqua, cibo, vestiti o altri oggetti di cui potrai aver bisogno in città straniere o situazioni analoghe. Infine ha anche un inserto rimovibile per laptop fino a 14″.

Dalla descrizione qui sopra appare chiaro come non si tratti di uno zaino capiente, poiché pensato per chi ha bisogno di qualcosa di compatto e facile da trasportare, tanto in spalla quanto in valigia, essendo anche molto leggero. Si conferma quindi uno zaino ideale da portare con sé durante i viaggi, per garantire la miglior protezione possibile al proprio equipaggiamento senza sacrificare comodità e spazio extra per altri oggetti personali. Trattandosi di un prodotto nuovo le recensioni online sono ancora poche, ma le prime fanno ben sperare; ricorda però che se hai bisogno di trasportare numerosi accessori, ti conviene guardare altrove.


Il miglior zaino fotografico per il trekking e per l’outdoor

Se hai bisogno di uno zaino capiente e resistente per le tue escursioni, ti consigliamo il Lowepro Trek 450, un prodotto non certo economico ma senza dubbio di ottima qualità, e che vanta centinaia di recensioni positive. Viene giudicato piuttosto comodo e il cui aspetto ricorda i classici zaini da trekking: ti accorgi che è uno zaino fotografico solo quando lo apri.

Se il lato superiore offre un po’ di spazio extra per cibarie e altri oggetti che porterai nelle tue avventure, lo scomparto inferiore è destinato invece all’attrezzatura fotografica, ed è più ampio e interessante, oltre che maggiormente protetto. Innanzitutto l’apertura dello scomparto fotografico avviene dalla spalliera, e può essere fatta senza bisogno di sfilarselo: è sufficiente infatti spostare lo zaino dal dorso all’addome, avvalendosi del cinturone lombare di cui è dotato, e avrai tutto a tua disposizione senza togliere lo zaino e appoggiarlo a terra.

All’interno del vano fotografico trovano posto un buon numero di obiettivi e accessori oltre al corpo della fotocamera. Sebbene non sia il più capiente della lista, offre sicuramente tutto lo spazio di cui la maggior parte dei fotografi possa aver bisogno durante escursioni e viaggi di lavoro. Non è presente una tasca specifica per il computer portatile, ma trattandosi di un prodotto per il trekking non se ne sente la mancanza.


Lo zaino fotografico migliore per il lavoro

Questo zaino prodotto da Neewer è la soluzione ideale per le tue uscite di lavoro, in cui avrai bisogno di uno zaino fotografico capiente quanto serve e con poco spazio extra. Esternamente è rigido e relativamente compatto, con un aspetto sobrio e professionale. Questa caratteristica si riflette anche nella parte interna grigia scura, ma è acquistabile anche con l’interno colorato per un tocco di brio.

Quanto allo spazio, le sezioni interne sono naturalmente modulari, e sono in grado di ospitare tranquillamente una fotocamera con obiettivo da 200 mm più quattro scomparti per altrettanti flash e obbiettivi. Sempre internamente ha poi delle tasche a rete per mettere altri piccoli oggetti, mentre esternamente può accogliere borraccia e treppiede. Buona anche la protezione dal suolo favorita dalla presenza dei piedini sulla parte di sotto.


Il miglior zaino fotografico capiente

Il TARION Pro PB-01 è uno degli zaini fotografici meglio recensiti in assoluto, nonché uno tra i più capienti e adattabili che possiate trovare, adattandosi molto bene alle avventure outdoor, ai viaggi in città o in più tradizionali situazioni lavorative. Questa sua versatilità, che si riflette anche sul prezzo non proprio accessibile, viene evidenziata anche dagli acquirenti e dagli usi che ne fanno, i quali si soffermano anche sui buoni materiali impiegati e sulla buona dotazione di accessori inclusi, tra cui figura anche un telo antipioggia.

Scendendo nello specifico, questo zaino fotografico mette a disposizione una capienza massima di circa 25 L, a cui va aggiunta una pratica borsa fotografica supplementare che porta il totale a circa 29 L. Internamente è suddiviso in due metà, ognuna delle quali comprende 6 spazi modulari per fotocamera, obiettivi e accessori vari. È anche previsto uno scomparto per laptop da 15,6″, mentre nella sezione principale può anche entrare un laptop da 17″.

Comprende poi un’infinità di tasche e scomparti per smarpthone, tablet e piccoli oggetti, più due tasche esterne per bottigliette o treppiedi. L’unica cosa che gli manca è un accesso rapido laterale ad almeno una fotocamera, ma ciò viene compensato dal fatto che è diviso in due porzioni, ognuna con la propria cerniera (senza considerare la borsetta in più).


Guida sulla scelta del miglior zaino fotografico: i nostri consigli

Prima di guardare alcuni aspetti specifici degli zaini fotografici, diamo un’occhiata ai criteri da tenere presente prima di acquistarne uno.

Che dimensioni deve avere uno zaino fotografico?

La prima cosa da considerare quando ci si approccia al mondo degli zaini fotografici è senza dubbio la dimensione. Per capire quale misura sia più adatta a te non dovrai fare altro che chiederti quanta attrezzatura desideri portare con te durante i tuoi tour fotografici.

Dovresti porti domande tipo: Quante macchine fotografiche hai? Di quanti obiettivi hai bisogno? Pensi di allargare la tua collezione in futuro? Il tuo obiettivo più grande entra nello zaino? Utilizzi spesso il treppiedi durante i tuoi tour fotografici? Di quanto spazio necessiti per schede di memoria, batterie di riserva, memory card, filtri e accessori vari? 

Considera anche che lo zaino fotografico deve avere anche abbastanza spazio per altri oggetti. Per esempio snack, acqua, cellulare, chiavi, mappe, un eventuale cambio e, naturalmente, il portafogli cosí come di tutti quegli altri piccoli oggetti d’uso quotidiano che potrebbero rivelarsi indispensabili durante un’escursione fotografica. 

Tuttavia aggiungo un consiglio importante: non esagerare con le dimensioni se non ne hai bisogno. Lo zaino fotografico dovrebbe sempre essere adatto alla tua corporatura e statura. Uno zaino troppo grande potrebbe rivelarsi scomodo da portare.

Materiali e rifiniture

Per mantenere al sicuro la tua preziosa e costosissima attrezzatura fotografica è fondamentale che lo zaino sia realizzato con materiali resistenti di ottima qualità. Ciò consentirà di mantenere al sicuro da umidità, urti e piccole botte tutto ciò che porti con te. Una struttura robusta e ben imbottita, inoltre, ti regalerà il massimo del comfort durante il trasporto. Ma approfondiremo questo aspetto a breve. 

Considera che porterai probabilmente il tuo zaino con te nelle situazioni più disparate: sotto la pioggia o in mezzo alla neve, lo appoggerai sui pavimenti sporchi di bus e treni o su terreni sporchi, umidi e paludosi, aprirai continuamente e frettolosamente i vari scomparti per cercare questa o quella attrezzatura. È importantissimo, quindi, che la tua attrezzatura sia protetta in ogni momento, indipendentemente da urti, botte e condizioni atmosferiche. 

Le apparecchiature fotografiche professionali sono spesso non soltanto molto costose, ma anche estremamente fragili, pertanto necessitano della migliore protezione possibile durante le escursioni e i viaggi. Assicurati quindi che le cuciture, spesso il tallone d’Achille degli zaini fotografici, siano rifinite in maniera impeccabile, che le cerniere siano robuste e di ottima qualità e che i materiali siano impermeabili o che lo zaino sia quantomeno dotato di una protezione antipioggia aggiuntiva

Infine, ti consigliamo di scegliere uno zaino per fotografia dotato di un’imbottitura delle pareti interne molto spessa e resistente, soprattutto se la tua attrezzatura fotografica è costata una piccola fortuna. Ciò contribuirà a mantenerla stabile all’interno dello zaino e attutirà il più possibile eventuali urti. 

Tasche e suddivisione interna dello zaino fotografico

Un altro punto saliente è sicuramente l’organizzazione interna. Affinché uno zaino fotografico sia funzionale è fondamentale che la struttura interna sia progettata nel modo più ragionevole possibile per ottimizzare gli spazi. Anche uno zaino relativamente piccolo può essere super pratico se organizzato in maniera efficiente. Assicurati, quindi, che ci sia spazio per le cose più grandi, come i corpi macchina e gli obiettivi, ma che lo zaino disponga anche di tasche più piccole, di scomparti per le schede di memoria, i cavi e le batterie di ricambio o, semplicemente, per un paio di snack, fazzoletti, cellulare e cosí via. 

Infine, molti zaini fotografici dispongono anche di tasche interne riservate a notebook o tablet, che permettono di visualizzare meglio le immagini scattate e di dedicarsi immediatamente al post-editing.

Ergonomia e comodità durante il trasporto

L’ultima cosa da tenere in considerazione quando si acquista uno zaino fotografico, ma non per questo la meno importante, è il comfort. Che tu scelga di acquistare uno zaino fotografico per le tue gite in città o per tour fotografici più lunghi e impegnativi, non dimenticare mai che lo zaino deve essere prima di tutto comodo da trasportare e il peso deve gravare il meno possibile sulla colonna vertebrale

In fin dei conti, soprattutto durante le escursioni più lunghe e impegnative, il peso di uno zaino fotografico pieno di obiettivi e attrezzatura fotografica si farà sentire su schiena e spalle molto più in fretta di quanto tu possa pensare, soprattutto se si considera che molti punti di ripresa potrebbero essere particolarmente faticosi da raggiungere. Lo sappiamo bene: non c’è niente di più fastidioso di quando si è stremati e non si ha più voglia di continuare a camminare a causa di mal di schiena o dolori muscolari, delle cinghie che sembrano fare dei tagli sulle spalle e della sensazione che lo zaino diventi più pesante a ogni passo. Uno zaino fotografico scomodo e difficile da trasportare può significare soltanto una cosa sola: niente più foto.

Per questo motivo, ti consigliamo di scegliere un modello con un’imbottitura maggiore e robusta, in grado di dare il giusto sostegno alla schiena, e con delle cinghie di trasporto molto comode, larghe e imbottite. Gli zaini più grandi dovrebbero, inoltre, essere dotati di una fascia da legare alla vita a livello del bacino e di una fascia per il torace, in grado di distribuire meglio il peso su tutto il busto. 

Cos’è uno zaino fotografico e quando può essere utile? 

Non esiste un fotografo professionista che si rispetti o, più semplicemente, un grande appassionato di fotografia, che non disponga di una ricca collezione di obiettivi intercambiabili da utilizzare con la propria fotocamera Mirrorless o Reflex per creare una varietà di scatti dalle mille sfaccettature e nelle situazioni più disparate: fisheye, grandangolo, teleobiettivo, macro, tilt shift… A questa ricca e preziosa collezione di obiettivi si aggiungono poi strumenti aggiuntivi come il treppiede, filtri vari, paraluce, flash, cavi, droni, batterie supplementari, schede di memoria e chi più ne ha più ne metta! 

Uno zaino per fotografia è sicuramente il modo migliore per poter riporre e trasportare tutta questa costosa attrezzatura nel modo più sicuro possibile durante i tour fotografici dei fotografi naturalisti, le escursioni in montagna, le passeggiate in città o eventi speciali da immortalare.

Questo, infatti, presenta all’interno una struttura robusta e imbottita, perfetta per ammortizzare eventuali urti o piccole botte. Inoltre, uno zaino fotografico che si rispetti è facile e confortevole da trasportare in quanto il peso, a differenza della più tradizionale borsa, non grava soltanto su una spalla e su un lato della colonna vertebrale ma viene distribuito in maniera uniforme su entrambe le spalle, non recando danno alla nostra postura. 

Molto spesso, inoltre, per rendere il trasporto ancora più confortevole, gli zaini per fotografia sono dotati di una fascia toracica e di una cintura per i fianchi che forniscono un ulteriore supporto alla schiena. Acquistare un buono zaino fotografico è quindi un grande investimento tanto per la tua preziosa attrezzatura fotografica quanto per la tua stessa salute. Pensaci su! 

Tipi di zaino per fotografia

In commercio esistono diverse tipologie di zaino per fotografia che si differenziano sostanzialmente in base all’uso al quale sono destinati. Possiamo distinguere, infatti, gli zaini fotografici per l’uso outdoor e per gli “avventurieri”, e quelli indicati per l’uso urbano. 

  • Gli zaini fotografici da città sono indicati per viaggi brevi e non particolarmente impegnativi. Questi hanno dimensioni relativamente ridotte, sono più semplici, leggeri e pratici da utilizzare e permettono di avere accesso in maniera rapida all’attrezzatura, anche nel bel mezzo di una passeggiata in mezzo alla folla per le vie di una capitale europea. Tuttavia, se desideri portare con te un numero elevato di obiettivi, anche abbastanza ingombranti, o un’attrezzatura più completa, questa opzione potrebbe non fare al caso tuo perché lo spazio interno potrebbe non essere sufficiente. Inoltre, gli zaini fotografici ad uso urbano hanno tendenzialmente una struttura molto meno solida e robusta e sono, quindi, sconsigliati per lunghe escursioni nella natura. 
  • Gli zaini fotografici outdoor sono, invece, l’ideale per tutti gli avventurieri appassionati alla fotografia naturalistica che fanno frequentemente lunghe escursioni fotografiche o trekking in zone meno favorevoli rispetto all’ambiente urbano. Va da sė che questi zaini sono realizzati con materiali molto più solidi e resistenti e abbiano delle dimensioni sostanzialmente maggiori rispetto ai primi. Ciò permette, anche grazie alle moltissime tasche, di portare con sè un’attrezzatura fotografica molto più complessa e variegata e di garantire la massima protezione e un sostegno adeguato alla colonna vertebrale. Tuttavia, questa tipologia di zaino non è adatta a viaggi brevi e poco impegnativi e non permette di avere accesso in maniera rapida e immediata all’attrezzatura. 

Conclusioni

Adesso sai sicuramente più cose sullo zaino fotografico e ti sarà più facile fare una scelta. Se le informazioni che ti ho dato non fossero state sufficienti e avessi ancora dubbi, puoi scriverci e noi ti risponderemo il prima possibile. Se sei un appassionato di fotografia, puoi leggere la sezione che abbiamo creato sull’argomento, ci troverai tanti articoli interessanti!

Trova il miglior zaino fotografico per la tua attrezzatura
Rossella Vecchio

Rossella Vecchio

Appassionata di musica, arte e fotografia. Con i miei articoli spero di dare un prezioso contributo a tutti coloro che sono curiosi di scoprire tutte le sfaccettature di un prodotto prima di procedere con l'acquisto, soprattutto nel mondo della fotografia, dove la vasta gamma di prodotti offerti dal mercato potrebbe confondere appassionati e amatori alle prime armi.

Torna su