Quale penna 3D acquistare per realizzare i tuoi progetti

Progetto realizzato con penna 3D

La penna 3D è indiscutibilmente uno strumento interessante per sviluppare la creatività e creare figure tridimensionali con relativa facilità. Puoi anche usarle per correggere le imperfezioni nelle parti se hai una stampante 3D.

La varietà di disegni che si possono realizzare è infinita e la qualità delle penne 3D sta migliorando sempre di più. Tuttavia, non tutte funzionano perfettamente e alcune sono più comode da usare rispetto ad altre. In questo nostro articolo analizzeremo le migliori penne 3D e vedremo quali sono gli aspetti chiave più importanti da tenere in considerazione per scegliere una buona penna 3D.

Quale penna 3D comprare? Le nostra selezione delle migliori

Con tutte le penne 3D a disposizione sul mercato, da dove dovresti iniziare? Qui di seguito, ti abbiamo preparato una selezione delle migliori, scelte secondo le loro caratteristiche e per il loro rapporto qualità-prezzo.

La penna 3D ottima tanto per i più piccoli quanto per i professionisti

La Filapen è una penna 3D di livello semiprofessionale caratterizzata da un ottimo rapporto qualità-prezzo, buoni materiali, e soprattutto da un’ottima maneggevolezza. Il design relativamente compatto e la buona impugnatura, infatti, la rendono piuttosto comoda da tenere in mano e facile da usare, rappresentando quindi una buona scelta anche per i lavori di precisione. Ad ogni modo si tratta di una penna ottima per regalare ai propri figli o nipoti un prodotto di qualità, ma che si adatta molto bene anche all’uso professionale.

Utilizza solo filamenti di tipo PCL, perciò lavorando a basse temperatura è più sicura per i più piccoli ed è più pratica da utilizzare. Monta un display OLED e funziona a tre velocità. La confezione include 10 filamenti di vario colore, un alimentatore con cavo, una custodia e vari modelli per realizzare i propri disegni in 3D.


La migliore penna 3D semiprofessionale

A metà tra i modelli professionali e le proposte più economiche, la MYNT3D MP012 offre un buon equilibrio tra costo e prestazioni, e si adatta allo svago tanto quanto all’uso professionale. Dei pulsanti dedicati consentono di regolare la temperatura tra i 140 e i 230 °C oltre che velocità di estrusione, e tali impostazioni vengono visualizzate sul comodissimo schermo OLED.

Un design relativamente compatto rende questa penna molto comoda da utilizzare, consentendo di realizzare disegni 3D di grande precisione. Dalle recensioni non sembrano emergere difetti, ma solo sentimenti positivi. L’estrusore è inoltre sostituibile, e la confezione comprende 3 piccole matasse di PLA e l’alimentatore USB.


La penna 3D ritenuta più sicura per i più piccoli

La MYNT3D Junior2 è una penna 3D per bambini, pensata per divertire senza i potenziali rischi delle penne 3D convenzionali. A differenza delle normali penne 3D, infatti, essa non funziona con filamenti di ABS o PLA ma solo con il PCL, un bio-poliestere inodore noto per sciogliersi ad una temperatura più bassa rispetto ai filamenti plastici più comuni. L’estrusore della penna è inoltre perfettamente isolato dall’esterno, scongiurando definitivamente il rischio di scottarsi. Per il resto monta una batteria interna e un LED che segnala quando ha raggiunto la temperatura di utilizzo, e viene fornita con cavo di ricarica USB e 3 piccole matasse di PCL colorato da 1,75 mm di diametro.

Alla prova dei fatti la penna sembra funzionare bene, ma per realizzare grosse creazioni 3D serve molta pratica e pazienza, poiché il filamento estruso è piuttosto sottile e non consente di realizzare facilmente grandi opere. È un’ottima idea quindi per le mamme più ansiose o che lasciano i bambini giocare da soli.


La penna 3D con il miglior rapporto qualità-prezzo

La penna 3D proposta da KreativKids è un prodotto di buona qualità e acquistabile a un prezzo piuttosto conveniente. Oltre alla penna, infatti, nella confezione possiamo trovare anche delle pratiche forme per iniziare a creare i primi modelli 3D ma soprattutto 20 filamenti di altrettante diverse colorazioni, ognuno da 5 m per un totale di ben 100 m di filamento pronto per essere trasformato in sculture tridimensionali.

Come già anticipato, la penna in sé è piuttosto buona, e consente l’utilizzo sia di filamenti PLA che PCL, grazie alla temperatura regolabile. Anche la velocità è regolabile, ed è dotata di un piccolo schermo LCD per verificare le impostazioni. Gode di ottime recensioni, anche se prevalentemente dal mercato tedesco essendo realizzato là.


La migliore penna 3D per fare un regalo

Questo set proposto da Polaroid comprende una Penna 3D assieme a un ricco assortimento di filamenti di diverso tipo e colore, per un totale di 25 filamenti da circa 5 m ciascuno. Considerate le belle confezioni in cui sono racchiusi gli oggetti, nonché la fama del brand, si tratta probabilmente della migliore opzione per fare un bel regalo a qualche bambino.

La penna 3D Polaroid è certamente di buona fattura e molto facile da utilizzare, come confermano anche diversi recensori. La velocità è regolabile su tre livelli, indicati da appositi LED sul corpo della penna, mentre la temperatura operativa è unica. Ha lo spegnimento automatico e il rilascio semplificato del filamento. Molto pratica è infine la presenza di una porta di ricarica di tipo USB-C.


Informazioni utili sulla penna 3D

Prima di acquistare una qualsiasi penna 3D, dovresti essere a conoscenza di determinate sue caratteristiche, sia per poter scegliere la migliore opzione per le tue esigenze, sia per poterla usare al meglio una volta che l’avrai tra le mani. Qui sotto cercheremo di rispondere alla domande più frequenti sulle penne 3D in modo da dissipare ogni tuo eventuale dubbio al riguardo.

Cos’è la penna 3D?

La penna 3D, come si intuisce dal suo nome, è un dispositivo di stampa 3D a forma di penna, ma con uno spessore maggiore, dotato di alcuni interruttori. La penna 3D è in grado di creare strutture solide e ferme, fornendo volume alla creazione che si fa con essa.

Solitamente è costituita da un’apertura superiore attraverso la quale viene inserito “l’inchiostro”, che in questo caso sono appositi filamenti per stampa 3D (ABS o PLA). L’estrusione, ossia la fusione del filamento, può essere regolata con un pulsante, mentre la velocità e la temperatura possono essere regolati da altri tasti.

Ogni penna 3D ha diversi sensori che possono indicare la connessione alla corrente (o l’accensione a batteria) e il raggiungimento della giusta temperatura. Inoltre, molti modelli dispongono di un sistema di sicurezza che fa spegnere il dispositivo se non si usa per un po’ e in caso di surriscaldamento.

Come si usa la penna 3D?

Una volta inseriti i filamenti ABS o PLA all’interno della penna 3D e l’indicatore ti avvisa che è stata raggiunta la temperatura di estrusione, puoi iniziare a creare. Tieni presente che “l’inchiostro” è molto caldo e devi evitare di toccarlo.

Puoi creare strutture tridimensionali disegnando in aria, senza alcun supporto. Questo si ottiene con pazienza, abilità e aspettando che il filamento si asciughi all’aria in modo che rimanga solido. Ai principianti consigliamo di utilizzare dei modelli e di creare parti separate per poi unire i pezzi con filamenti trasparenti. Non è un’attività da fare con la fretta, bisogna essere attenti ai dettagli. Più avanti ti daremo qualche dettaglio aggiuntivo.

Cosa costruire con la penna 3D?

Probabilmente ti capiterà di leggere molte opinoni negative sulle penne 3D, generalmente rilasciate da persone che non sanno usarle e non hanno la pazienza di imparare. Una volta che si prende la mano, le creazioni che si possono realizzare con la penna 3D sono veramente tantissime. Oltre a vari gadget come quelli che vedrai nel video qui sotto, puoi costruire oggetti utili per casa, per l’auto, per il lavoro… e non dimenticare che può essere un ottimo complemento alla stampante 3D.

Può essere usata la penna 3D per architetti e lavori tecnici?

Il principale problema nell’uso della penna 3D per architetti e simili professionisti è la sua difficoltà nell’essere maneggiata a lungo. Per quanto risulti ergonomica, la sua struttura rimane difficilmente impugnabile per un tempo prolungato. Tuttavia questo non vuol dire che sia impossibile. Un gruppo di studenti dell’Università di Tokyo ha creato a mano una complessa struttura architettonica con l’uso di una penna 3D, un elemento sviluppato da loro stessi.

Il progetto è stato guidato dall’architetto giapponese e professore all’Università di Tokyo, Kengo Kuma. La struttura creata esclusivamente dagli studenti e dalla loro penna 3D, utilizza una base per dare stabilità e robustezza al modello di architettura, che consiste nell’incollaggio di corde con barre acriliche che la rende più resistente alla trazione rispetto alla maggior parte degli oggetti 3D tradizionali.

Per la penna 3D è meglio usare filamenti PLA o ABS?

Non esistono dispositivi capaci di stampare filamenti flessibili o TPU, ma tutte le migliori penne 3D funzionano sia con PLA che con ABS. Attualmente il PLA ha due principali vantaggi rispetto all’ABS: non emette gas nocivi e puoi trovare una gamma più ampia di colori.

I suoi svantaggi rispetto all’ABS sono sostanzialmente due: non resiste alle alte temperature e la post-lavorazione (lavorazione, verniciatura e, soprattutto, incollaggio) è più complicata. Il PLA comunque va benissimo per realizzare modelli 3D fatti in casa.

La penna 3D è sicura per i bambini?

Le penne 3D sono ideali come regalo per i bambini, poiché incoraggiano la loro creatività e possono anche creare i propri giocattoli 3D con un po’ di pratica. Tuttavia non sono raccomandate per i bambini sotto i 5 anni, poiché la punta della penna 3D è calda e i bambini piccoli potrebbero scottarsi.

Inoltre, è necessaria la supervisione di un adulto per l’uso nei bambini tra 5 e 8 anni. Considera comunque che alcune marche incorporano ditali protettivi per evitare bruciature accidentali.

Penna 3D vs colla a caldo

Penna 3D e pistola a caldo possono fare molte cose e il funzionamento è piuttosto simile. Tuttavia, con la colla a caldo possono essere create strutture su un piano, ma non nell’aria e, inoltre, la precisione è inferiore rispetto a quella offerta dalla penna 3D.

Di contro, per alcuni lavori più “grossolani” la pistola a caldo è più pratica e ti aiuta a concludere in fretta il progetto rispetto alla penna 3D.

Quanti tipi di disegni si possono fare con la penna 3D?

Prima di tutto, bisogna fare una distinzione tra disegni orizzontali e verticali. I primi sono quelli che ti permettono di realizzare delle figure sul tavolo come se fosse un normale disegno anche se in rilievo. Per fare questo tipo di disegni puoi usare dei semplici modelli “calcando” l’immagine che vuoi creare. In generale, i principianti preparano i disegni orizzontali e poi li uniscono tra loro per generare la figura verticale in tre dimensioni.

Il disegno verticale è più complicato e richiede immaginazione e una certa abilità. Ecco 3 consigli:

  • Per disegnare linee rette, la penna viene posizionata in basso e viene sollevata lentamente con l’angolazione che si preferisce. Una volta arrivati al punto desiderato, è necessario attendere alcuni secondi affinché il filamento si indurisca.
  • Per creare volumi viene spesso utilizzata la tecnica dei “piccoli cerchi”, utile soprattutto quando si vuole rappresentare figure cilindriche. Come suggerisce il nome, consiste nel creare cerchi molto ravvicinati e lentamente ascendenti.
  • Per gli elementi cavi più complicati si può disegnare il perimetro usando la tecnica precedente, ma viene richiesta più pratica per ottenere ottimi risultati.

Dove posso trovare i modelli per la penna 3D?

Se hai già comprato la penna 3D e dopo aver fatto i primi scarabocchi in aria vuoi provare a fare qualcosa di serio potresti aver bisogno di qualche modello da seguire. Utilizzando degli stencil o dei modelli per la penna 3D, puoi creare un’ampia varietà di design eccezionali. Quando poi avrei preso la mano, potrai passare a versioni complesse e auto prodotte, ma per fare pratica ti consigliamo un prodotto tipo questi qui sotto:


Cosa considerare prima dell’acquisto

Se ancora non sai quale modello comprare, ti diamo gli ultimi consigli che ti aiuteranno a prendere la decisione giusta.

Controllo della velocità e della temperatura

Per ottenere un controllo migliore della creazione, l’ideale è che tu possa selezionare la velocità con cui il materiale esce, poiché a seconda del progetto e della tua esperienza dovrai essere in grado di lavorare più velocemente o lentamente. A più livelli di velocità corrisponde un maggiore controllo e di solito un prezzo più alto.

La possibilità di regolare la temperatura della tua penna 3D, potrà esserti di aiuto quando devi rifinire determinati progetti, ma sarà soprattutto utile se la penna 3D sarà usata dai bambini.

Ergonomia

Questo è un fattore essenziale per poter progettare comodamente. Le migliori penne 3D hanno una struttura di uno spessore adeguato e una buona presa, ma per assicurarti che il prodotto che ti interessa non sia scomodo a maneggiarlo, leggi le opinioni rilasciate dai precedenti acquirenti.

Accessori inclusi

Alcuni kit includono anche svariati accessori. Quasi tutti i modelli hanno alcuni filamenti per iniziare a progettare, mentre altri includono anche altri oggetti come ditali per non bruciarsi, forbici, basi su cui lavorare, ecc.

Se non hai bisogno di niente, puoi cercare il modello più basico per risparmiare un po’, anche se solitamente gli accessori non fanno lievitare molto il prezzo.

Perché non devi spendere un capitale se non vuoi un prodotto professionale

Negli ultimi anni sono usciti tantissimi modelli di penna 3D adatti agli utenti di tutti i tipi. Benché tu non possa aspettarti risultati professionali, quasi tutti i prodotti, anche quelli da poche decine di euro, sapranno darti soddisfazione una volta imporato a usarli.

Ovviamente, se cerchi modelli professionali, dovrai spendere di più e probabilmente rivolgerti a siti specializzati che le vendono.

Quale penna 3D acquistare per realizzare i tuoi progetti
Giovanni

Giovanni

Torna su