Una tazzina con una bibita fumante.

Caffè solubile migliore: guida per trovare l’opzione più giusta per te

Benvenuto sul nostro articolo dedicato al caffè istantaneo. A noi italiani fa un po’ strano pensare di mescolare una polvere all’acqua calda per ottenere un buon caffè, vero? Eppure, se riesci a trovare il caffè solubile migliore in qualità, potresti ottenere una bevanda che ti sorprende, dall’ottimo sapore nonostante l’insolito modo di prepararlo. Se ti serve uno sprint e non hai a portata di mano la tua amata moka, il caffè solubile può diventare il tuo migliore amico! E noi ti aiuteremo a trovare e a preparare il più buono di tutti.

Caffè solubile migliore: le nostre 5 opzioni preferite

Dopo aver analizzato molteplici prodotti abbiamo selezionato quelli che, per la nostra esperienza e quella degli altri utilizzatori, sono i migliori tipi di caffè solubile attualmente sul mercato.

Il caffè solubile migliore secondo le recensioni

Illy Instant Coffee è una varietà 100% Arabica pura, lavorata a freddo è dedicata agli amanti degli aromi morbidi e vellutati, con il perfetto bilanciamento tra amarezza e acidità tipici dell’arabica. Qui vengono proposti 6 barattoli da 95 grammi cadauno: tieni presente la resa per quantità è maggiore rispetto alla polvere tradizionale e con un singolo barattolo puoi effettuare circa 50/60 caffè. È senza glutine, lattosio e zuccheri.

Le recensioni lo considerano di ottima qualità, con gusto e aroma superiori rispetto ad altri caffè solubili di marchi più blasonati. Ti consigliamo di usare circa un cucchiaino in una tazzina di acqua per ottenere un buon caffè, anche se ovviamente è da testare secondo i tuoi gusti.


Il miglior caffè solubile in bustine

Nescafé Gold è una pratica miscela di arabica e robusta in bustine, una versione consigliata per chiunque voglia avere un buon caffè a portata di mano anche quando è fuori casa. Non ha additivi e la scatola contiene 20 unità. Il produttore consiglia di versare il contenuto di una bustina in una tazzina e di aggiungere poi 50/60 ml di acqua per un caffè più concentrato, e fino a 200 ml per una versione all’americana.

Come qualità le recensioni apprezzano ampiamente il sapore, ritenuto migliore rispetto a quello che si prende alle classiche macchinette da ufficio. Consigliato quindi a chi vuole avere la carica giusta anche fuori casa.


Il miglior caffè solubile al caramello

Se hai voglia di cambiare un po’ sapore potresti optare per questo caffè solubile al caramello che a differenza di quello che può sembrare, non è eccessivamente dolce. Serve a dare un aroma naturale per chi beve vari caffè al giorno e vuole variare un po’. Risulta molto semplice da preparare, devi solo aggiungere 2 cucchiai di preparato a 100 ml di acqua calda per una bibita allungata.

Il barattolo contiene 50 grammi di caffè solubile al caramello di cui, secondo le recensioni, basta un cucchiaino scarso in una tazzina di acqua calda per chi non vuole il caffè all’americana. Sapore intenso e piacevole, te lo consigliamo se hai voglia di variare un po’.


Il miglior caffè solubile al ginseng

Un’altra opzione ideale per chi cerca la carica classica del caffè unita alle proprietà energiche del ginseng è questa opzione proposta da Crastan. Si tratta di una preparazione contenente caffè solubile, ma anche altri ingredienti come appunto il ginseng, ma anche il latte scremato in polvere e lo zucchero. Gustosa e cremosa, è ideale quindi come bibita da gustare in vari momenti della giornata, ma non è adatta a chi cerca il classico caffè.

Il produttore consiglia di usare una bustina per circa 120 ml di acqua (la scatola contiene 5 bustine. Ottimo rapporto qualità-prezzo e bibita molto piacevole secondo chi l’ha provata.


Il miglior caffe solubile senza caffeina

Arriviamo a quella che è una delle opzioni più vendute e apprezzate da chi cerca caffè solubile senza caffeina, quindi decaffeinato. Il Nescafé Gold Decaf è una miscela di arabica e robusta decaffeinata, venduta in un barattolo da 200 grammi (per la preparazione di circa 110 tazze grandi). Viene apprezzato molto per il sapore nonostante sia un decaffeinato e per la sua praticità. Secondo le recensioni è uno dei migliori decaffeinati solubili disponibili sul mercato.


Cosa significa caffè solubile?

Con il termine “solubile” viene chiamato una certa sostanza (in questo caso il caffè) capace di dissolversi in un determinato solvente (l’acqua). Tra i principali vantaggi del caffè solubile, conosciuto anche come caffè istantaneo, c’è la velocità di preparazione, la durata del prodotto, il peso e il volume (che a parità di caffè finito sono inferiori rispetto al caffè in grani o in polvere).

Cosa contiene il caffè solubile?

Nonostante esistano dei miti secondo i quali il caffè solubile contenga chissà quali oscuri ingredienti, in realtà si tratta solo di vero caffè. Esattamente come per quello che trovi in polvere, i chicchi di caffè vengono tostati e macinati, L’unica differenza è che per produrre quello istantaneo la polvere viene resa un infuso per diventare solubile, dopodicé si elimina l’acqua. Questo processo permette di avere un caffè che dura più a lungo nel tempo ed è meno voluminoso, oltre a essere instantaneo da preparare.

Come si fa il caffè solubile?

Come abbiamo appena accennato i chicchi di caffè vengono tostati, macinati e messi in infusione in modo che diventino solubili. La chiave del processo del caffè instantaneo sta nell’eliminazione dell’acqua nel prodotto infuso, poiché è in questa fase che i chicchi di caffè diventano cristalli disidratati. Ci sono due metodi per raggiungere questo obiettivo: la disidratazione (o essiccazione) a spruzzo e la liofilizzazione.

  1. Nell’essiccazione o disidratazione a spruzzo l’infusione di caffè viene spruzzata in grandi caldaie dove l’aria calda raggiunge una temperatura di 250°C, rendendo possibile l’evaporazione dell’acqua. Rimangono quindi sul fondo quindi solo i caratteristici cristalli di caffè solubile.
  2. Nella liofilizzazione, il caffè viene ridotto a concentrato e raffreddato a -6 gradi sotto forma di granita, quindi viene nuovamente raffreddato a -40 gradi in una teglia fino a formare dei blocchi di caffè ghiacciato. Quando sono pronti, vengono frantumati in granuli e infine vengono messi in un’asciugatrice a secco dove il ghiaccio evapora e rimangono i granuli di caffè asciutti.

Come si prepara e quanto caffè solubile usare?

Non esiste, in realtà, un vero procedimento per la preparazione del caffè solubile. Può infatti essere mescolato non solo ad acqua, ma anche al latte di mucca così come a uno dei tanti preparati vegetali come il latte di riso, di cocco o di avena. Anche sulle quantità non ci sono regole vere e proprie. Se desideri un caffè più vicino al tradizionale espresso, quindi forte e deciso, dovrai prepararlo con poca acqua. Se invece ami il caffè americano, potrai aumentare l’acqua e otterrai una bibita meno denso e più delicata.

Ricorda inoltre che si può preparare il caffè solubile con acqua fredda o altri liquidi sempre freddi. Dovrai solo mescolare un po’ di più, ma otterrai una fresca bibita per dissetarti e farti la carica nei momenti in cui ne hai bisogno.

Il caffè solubile fa bene o male?

Il caffè solubile non è né più né meno salutare rispetto al caffè convenzionale. Tuttavia, in commercio si trovano opzioni che non contengono solo caffè, ma hann anche l’aggiunta di zuccheri o altri additivi che sì potrebbero essere dannosi. Questo non vuol dire che berne una tazzina ti ucciderà, ma dovresti analizzare bene l’etichetta di ciò che acquisti per poterlo bere con consapevolezza e quindi senza esagerare.

È vero che il caffè solubile con limone fa dimagrire?

Negli ultimi anni si è diffuso il mito secondo il quale consumare caffè accompagnato al limone sia particolarmente benefico per chi deve perdere peso. Benché sia il caffè che il limone abbiano determinate proprietà che possono agevolare il dimagrimento, è falso affermare che di per sé, per solo il fatto di berli, si possa veramente perdere peso. Di sicuro il caffè, solubile o meno, aiuta a velocizzare il metabolismo, ma da solo o con il limone, stando a sedere tutto il giorno o mangiando male non sortirà nessunissimo effetto.

Il caffè solubile è buono come l’espresso?

Certo che è buono, ma non è la stessa cosa. Nella disidratazione si perdono alcune peculiarità del caffè, tra cui una parte di caffeina e alcune sue proprietà, nonché l’aroma. Questo non vuol dire che sia imbevibile, ma le due opzioni non sono comparatibili. Ti consigliamo di bere la versione solubile come una bibita al caffè, con una buona efficacia energizzante, ma non usarla come sostituto dell’espresso come sapore, poiché potresti rimanerne deluso. Se cerchi un’opzione più sana, ti consigliamo di dare un’occhiata al caffè di cicoria.

Come e per quanto è possibile conservare il caffè istantaneo?

Essendo disidratato il caffè solubile ha una deperibilità inferiore rispetto a quello convenzionale. Tuttavia una volta aperta una confezione non deve essere conservato diversamente e deve essere sigillato ermeticamente per essere protetto dal calore (evitando la dispersione di sapori e aromi) ma soprattutto dall’umidità che comprometterebbe la sua durata. Puoi continuare a usarlo anche dopo diverse settimane dalla prima apertura, ma per sicurezza attieniti sempre alle indicazioni fornite del produttore.

Quante calorie ha il caffè istantaneo?

Non ci sono differenze nelle calorie tra i diversi tipi di caffè. Si possono calcolare circa 2-3 calorie per tazzina, quindi ininfluenti. Tuttavia, come puoi immaginare, se il caffè viene bevuto con latte e zucchero il numero di calorie aumenta. Sulla confezione del prodotto che acquisterai dovrebbero essere indicate chiaramente le calorie totali per ogni tazzina, quindi leggi bene l’etichetta se tieni conto dell’introito energetico di ciò che assumi.

Si può usare il caffè solubile per dolci e gelato?

Assolutamente sì! Sono molte le preparazioni per cui viene utilizzato il caffè solubile al posto della versione tradizionale, come per il tiramisù, il gelato e altri dolci che contengono il caffè. Questo è sempre dato per la sua velocità e praticità nella preparazione, ma anche perché ha un sapore più delicato e quindi più adatto per chi vuole mantenere il tipico aroma senza essere troppo forte. Qui sotto ti proponiamo la ricetta di quella che ormai è un classico: la crema di caffè nella versione senza panna:

Caffé solubile quale scegliere? I criteri da seguire

Qui di seguito vogliamo mostrarti alcuni determinati fattori che puoi usare per scegliere il caffè solubile migliore per te tra i tanti disponibili sul mercato. Sono criteri di acquisto banali, ma che possono fare la differenza quando esiti tra un prodotto e un altro. Dagli un’occhiata se vuoi avere la certezza di non sbagliare!

Tipologia

Quale tipo di caffè istantaneo stai cercando? Come hai potuto vedere anche tra i nostri prodotti preferiti, si trovano varietà diverse, come arabica, robusta e miscele, ma anche decaffeinati e sapori differenti che possono essere piacevoli da provare. A seconda delle tue esigenze devi optare per una tipologia di caffè solubile piuttosto che un’altra.

Formato

I due principali formati disponibili sono in barattolo da 500 g o 1 kg o la pratica versione in bustine. Quest’ultima è molto utile quando vuoi portarti dietro la tua bibita preferita per consumarla quando vuoi.

Inoltre, quando acquisti online, dovresti calcolare il rapporto qualità-prezzo secondo le unità in vendita. Di solito, soprattutto su Amazon, si trova una maggior convenienza comprando quantità maggiori. Tuttavia dovresti evitare di riempirti la casa per risparmiare un po’ se poi bevi solo occasionalmente il caffè solubile.

Contenuto di caffeina

A parte il suo sapore, la caffeina è una delle ragioni principali per bere il caffè, poiché da essa dipende lo sprint energetico di cui a volte abbiamo bisogno. Come abbiamo visto, puoi trovare la versione decaffeinata, ma il contenuto di caffeina non è lo stesso per tutte le marche poiché dipende dai chicchi di caffè utilizzati e dal tipo di lavorazione subito dal prodotto.